N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Benefici del mangiare pesce: fa bene al cuore

I benefici del pesce per la salute sono noti, ma spesso si sottovaluta l'importanza di portare con regolarità a tavola questo prezioso alimento. Il pesce è un utile alleato per la salute del cuore, per cui bisognerebbe ricordarsi di consumarlo almeno due volte la settimana. Un'abitudine che concilia gusto, salute del cuore e linea, considerato che parliamo di un alimento poco grasso e poco calorico.
Omega 3, toccasana per il cuore
In particolare bisognerebbe consumare pesce ricco di acidi grassi Omega 3. E' dimostrato scientificamente che si tratta di nutrienti che hanno un'importante azione antinfiammatoria, in grado quindi di abbassare i livelli di colesterolo cattivo Ldl favorendo quello buono Hdl.

Gli acidi grassi Omega 3 contribuiscono a normalizzare tutti i principali parametri vitali. Parametri che quando non sono ottimali possono portare alla comparsa di malattie come ipertensione, infarto, aterosclerosi e coronopatie. Ma gli omega 3 hanno anche altre peculiarità, come la capacità di agire nella prevenzione di patologie cardiovascolari.

Non solo: alcuni studi hanno messo in evidenza la loro capacità di ridurre i rischio di alterazioni del ritmo cardiaco, condizioni particolarmente pericolose nei pazienti che hanno già avuto un episodio di infarto.
I pericoli del grasso
Insomma la conferma che ciò che mettiamo nel piatto è davvero importante per la salute del cuore e dei vasi sanguigni. La priorità in questo senso va data all'attenzione verso l'apporto calorico totale. Questo perchè se si eccede, si finisce per trasformare le calorie non utilizzate in grasso. Grasso che non è solo un nemico dell'estetica, ma anche di cuore e cervello, considerato che è capace di depositarsi negli spazi addominali tra i visceri.

Il grasso è inoltre composto da sostanze che tendono a depositarsi nelle pareti della arterie favorendo lo sviluppo dell'aterosclerosi provocando la comparsa di placche, che poi possono sfociare nella formazione di coaguli o trombi, con episodi finali di ictus e infarto.