N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Caffè e ginseng rimedio naturale all'impotenza

Caffè e ginseng possono essere utili, facili e naturali alleati contro l'impotenza, in grado in generale di migliorare le prestazioni a letto degli uomini. Lo sostengono due studi recenti che ne hanno messo in evidenza la rispettiva efficacia. Lo sostiene una ricerca dell'Università del Texas pubblicata su Plos One secondo cui gli uomini che assumono dagli 85 ai 170 milligrammi di caffeina al giorno, vale a dire una-due tazze di caffè, hanno il 42 per cento di probabilità in meno di soffrire di disfunzione erettile. Questo per merito delle sostanze in esse contenute, capaci di favorire l'afflusso sanguigno dove serve.

Lo studio, nel dettaglio, ha evidenziato come un consumo compreso tra gli 85 e i 170 milligrammi di caffeina al giorno è associato al 42% di probabilità in meno di sviluppare il disturbo, mentre un consumo tra i 171 e i 303 milligrammi al giorno fa calare le probabilità di avere problemi di erezione del 39% rispetto a una dose di meno di 7 milligrammi al giorno.

David S. Lopez, autore principale della ricerca e professore assistente presso la School of Public Health dell'Università del Texas: "Abbiamo visto una riduzione della prevalenza di disfunzione erettile negli uomini che erano obesi, sovrappeso e ipertesi, ma non nei diabetici. Il diabete è uno dei più forti fattori di rischio per la disfunzione erettile, quindi questo risultato non sorprende".

Come detto, la caffeina avrebbe effetti farmacologici il più importante dei quali è il rilassamento delle arterie elicine del pene e del muscolo liscio che riveste gli spazi cavernosi, aumentando così il flusso sanguigno proprio lì. La ricerca è stata condotta su 3.724 maschi dai 20 anni in su e ha preso in considerazione anche la caffeina assunta con bibite come tè, energy drink, coca cola. L'effetto non è stato annullato neanche da altri fattori di rischio noti, come l'obesità o la pressione alta. Gli unici che sembrano non beneficiare del caffè sono gli uomini che soffrono di diabete.