N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Cistite rimedi naturali efficaci: infuso di uva ursina

Le erbe possono dare un grande aiuto alle donne, perchè agiscono su quei tipici disturbi femminili in maniera mirata. E al contrario dei farmaci si possono usare anche per lunghi periodi. La fitoterapia e le cure naturali sono grandi alleate delle donne e diventano utilissime nel contrastare i piccoli e i grandi disturbi che spesso caratterizzano adolescenza e menopausa. Usando le erbe, si possono ottenere ottimi risultati senza intossicare l'organismo. Non solo: si possono anche usare insieme a molti farmaci senza comprometterne l'efficacia.

La cistite

Uno dei problemi più tipici, frequenti e fastidiosi nelle donne. La cistite è una infiammazione della vescica a cui le donne sono più soggette degli uomini per via della loro conformazione anatomica. Dipende infatti dall'uretra più corta che consente ai batteri di risalire con più facilità. L'incidenza del disturbo aumenta con l'età: si mantiene bassa fino ai 20 anni, poi aumenta anche per via dell'attività sessuale, delle gravidanze e dell'uso degli antibiotici.

Rimedio naturale

Un rimedio ottimale è dato dall'infuso di uva ursina, antidolorifico specifico per le vie urinarie ed efficace nel trattamento della cistite. Tutto ciò per merito dell'arbutina, sostanza dalle spiccate proprietà antibatteriche.

Come preparare la tisana

Preparate una tisana con un cucchiaio in 200ml di acqua bollente e lasciate in infusione per 3 minuti. Filtrate e dolcificate con un cucchiaino di miele di timo, anch'esso dotato di proprietà antibatteriche.

Quando prenderla

Questa tisana va bevuta per tre volte al giorno lontano dai pasti. Chi soffre di cistite ricorrente può prenderla anche tutti i giorni.

Un aiuto dall'aglio

L'aglio contiene il bisolfuro di allilpropile, disinfettante naturale e antidolorifico, in grado di agire sulla mucosa in maniera rapida e selettiva. Se non vi piace il sapore dell'aglio al naturale, ci sono le compresse. Prendetene una a pranzo e una a cena all'insorgere dei primi disturbi continuando la cura per una settimana dopo la scomparsa dei sintomi. Se il dolore è molto forte, provate a raddoppiare la dose.