Coca-Cola, i 6 effetti in un'ora di una lattina sul tuo organismo

Che bere Coca-Cola non faccia bene è risaputo, ma adesso possiamo sapere nel dettaglio quali sono i suoi effetti sul nostro organismo. Ci ha pensato l’ex farmacista inglese Niraj Naik, che sul suo blog ha deciso di stilare un elenco delle conseguenze di questa bevanda sulla salute di chi la beve: “Dopo aver visto così tante persone che soffrono di obesità con malattie cardiache o diabete, ero fortemente motivato a cercare ciò che effettivamente induce la gente a diventare obesi“.

Il suo studio mostrerebbe che la causa è “il fruttosio sotto forma di sciroppo di fruttosio, una particolare sostanza presente in molti alimenti trasformati e bevande” come la Coca-Cola di cui “la maggior parte delle persone è totalmente inconsapevole della sua pericolosità”.

Lo studio si concentra sugli effetti a breve termine della Coca Cola sul nostro organismo, per la precisione entro un'ora dall'averla bevuta. Dopo i primi 10 minuti “sono stati assunti 10 cucchiaini di zucchero (il 100% della dose giornaliera raccomandata), l’unica cosa che vi impedisce di vomitare per l’eccessiva dolcezza è l’acido fosforico che altera il sapore della Coca-Cola, permettendovi di ingerirla”.

Venti minuti dopo “la quantità di zucchero nel vostro sangue è ai massimi e state producendo quanta più insulina possibile per farvi fronte, allo stesso tempo il vostro fegato risponde a questa situazione di emergenza trasformando tutto lo zucchero che può in grasso”.

Dopo quaranta minuti “tutta la caffeina è stata assorbita, le pupille si dilatano, la pressione del sangue sale e il fegato risponde pompando più zucchero nel sangue”. Allo scadere di un’ora, secondo Naik, “le proprietà diuretiche della caffeina iniziano a farsi sentire e sentite il bisogno di fare la pipì. In questo momento espellerete elementi importanti per le vostre ossa come calcio, magnesio e zinco, oltre a acqua ed elettroliti ancor prima che il vostro corpo potesse estrarre gli elementi indispensabili per idratarvi”.

Certo un quadro catastrofico sicuramente allarmante. Come sempre il consiglio è di non abusare di nulla, ma nemmeno di criminalizzare eccessivamente alcun alimento, nemmeno una "bomba" calorica come questa.