Come aumentare il metabolismo dopo i 40 anni

Il passare degli anni è un alleato subdolo dei chili di troppo. Nello specifico dopo i 40 anni è più semplice aumentare di peso. Tutta colpa del metabolismo, che rallentando porta inevitabilmente a mettere su pancetta e non solo a ogni minimo strappo ala regola.

Dopo i 30 anni cala la produzione di testosterone, cosa che porta a una riduzione della massa muscolare. Uno stile di vita sedentario è certamente complice di questo problema. Purtroppo quando si riduce la massa magra, il processo metabolico rallenta, e così diventa difficile smaltire i grassi e le calorie in eccesso.

Ma si può fare molto per invertire la rotta e limitare i danni. Per accelerare il metabolismo e innescare un circolo virtuoso diventa importante innanzitutto alimentarsi con cibi ricchi di proteine sane. Questo aiuta a ricostruire la massa muscolare che poi brucia i grassi. Tutto ciò va inserito all'interno di una dieta ipocalorica. Come detto a sedentarietà non aiuta, e allora via libera a esercizi miranti che riescano a migliorare la forza muscolare. Non sono però importanti solo i muscoli, ma anche l'attività aerobica. Dedicate almeno tre allenamenti a settimana ad attività cardio per bruciare le calorie in eccesso. Se non amate sudare, sappiate che la camminata veloce è l’attività più indicata. Inoltre è praticabile da tutti e non ha controindicazioni, anche per chi non fa attività fisica regolare da molto tempo. Poi potreste riscoprire piano piano la voglia di spingere un po' di più.

Tornando all'alimentazione, la scelta delle proteine diventa di particolare importanza. Le proteine introdotte nell'organismo vengono scomposte in aminoacidi e attraverso il flusso sanguigno raggiungono i muscoli costruendo nuovo tessuto muscolare.

La razione minima giornaliera raccomandata per non intaccare la massa muscolare è di 0,8 gr di proteine per chilo di peso corporeo. E' bene però sapere che diversi studi hanno dimostrato che assumere 1/1,2 grammi di proteine per chilo di peso corporeo aiuta a preservare ulteriormente le dalla perdita di massa muscolare dovuta all’età.

Spesso le proteine vengono demonizzate, perchè associate a carne rossa. I questo senso diventa importante variare le fonti, non dimenticando di consumare quelle di origine vegetale.

Quelle di origine animale che trovate in carne, pesce, uova, latte e derivati contengono tutti gli aminoacidi essenziali. Quelle di origine vegetale, che troviamo nei legumi, invece non contengono tutti gli aminoacidi e per questo andrebbero integrate con i cereali integrali. La soia è l’unico legume che contiene tutti gli aminoacidi essenziali, quindi via libera a tofu e seitan al posto di carne o formaggi.