L'aspirina fa bene al cuore e non solo: gli studi

Spesso quando si parla di farmaci si sottolinea soprattutto l'importanza di non abusarne, perchè alla lunga inevitabilmente provocano delle conseguenze pericolose. Fa eccezione un medicinale, forse il più famoso al mondo, che negli ultimi tempi sta salendo alla ribalta delle cronache per i suoi effetti benefici, che vanno al di là della capacità di curare un malessere. Parliamo dell'aspirina, medicinale che prima o poi tutti hanno usato, per un mal di testa o per un raffreddore, che sembrerebbe in grado di svolgere azioni benefiche per il nostro organismo che vanno ben oltre il far passare un piccolo malessere o malanno.

L'azione antitumorale dell'aspirina, farmaco ultracentenario, è sempre più alla ribalta e sotto i riflettori della scienza. L'aspirina è un farmaco antidolorifico con azione antifebbrile, ma ha anche un potere antinfiammatorio dovuto al fatto che si tratta di un farmaco che agisce sul sistema della prostaglandine. Si tratta di mediatori chimici importanti nel processo dell'infiammazione, alla base di tante malattie.

Negli ultimi anni, proprio in virtù di queste proprietà, si è parlato della capacità dell'aspirina di prevenire l'infarto, aiutando l'apparato cardiovascolare, se somministrata con dosi che sono assai inferiori a quelle antidolorifiche (un quinto circa).

Ultima proprietà dell'aspirina, davvero clamorosa, sarebbe quella antitumorale. Una ricerca europea e americana avrebbe scoperto che le persone che fra i 50 e i 60 anni che assumono aspirina per almeno 10 anni vedono abbassarsi la possibilità di ammalarsi di tumore dell'8 per cento in media circa, tra uomini e donne. Si tratta di un effetto particolarmente efficace per il tumore dell'esofago, dello stomaco e del colon retto, ma anche del pancreas.

Questo non vuol dire che bisogna assumere aspirina anche quando non ce n'è bisogno o che bisogna farlo a cuor leggero, ma si tratta di una strada certamente da tenere d'occhio. Gli studi continueranno, e considerato che già milioni di persone nel mondo prendono aspirina da anni, si potrebbe iniziare a stabilire una relazione tra la sua assunzione e il loro stato di salute.