N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Mal di schiena cause e rimedi

Alzi la mano (se ci riesce) colui che ha compiuto almeno 30 anni e nella propria vita non ha mai dovuto convivere, saltuariamente o in maniera frequente, con il mal di schiena. Quella che viene definita anche lombalgia è una patologia che pur non essendo specifica colpisce praticamente tutti gli esseri umani. E' probabilmente lo scotto che dobbiamo pagare per esserci messi su due zampe, lasciando a questa parte del corpo un compito difficile, reso ancora più arduo dalla vita stressante cui siamo sottoposti.

Il mal di schiena è il disturbo osteoarticolare più frequente dopo il raffreddore. Interessa sia uomini che donne, senza distinzioni particolari, e fa visita più spesso tra i 30 e i 50 anni di età. Un problema che pur non essendo grave dal punto del rischio per la vita in senso stretto, comporta incredibili costi individuali e sociali. Le conseguenze sono un calo della produttività e della diminuita capacità di svolgere le attività quotidiane. Ci sono vari tipi di mal di schiena: c'è quello più o meno intenso e continuo, che si focalizza principalmente nella regione lombare con quella che viene definita lombalgia, in corrispondenza dell'osso sacro e prende il nome di lombosacralgia, irradiato all'arto inferiore fino al piede. In questo caso si chiama lombosciatalgia, e diventa un dolore particolarmente invalidante che influisce sull'umore e sulla capacità di svolgere le proprie attività quotidiane, ma che rende difficile anche stare seduti o a letto. In questo caso c'è il coinvolgimento del nervo sciatico.
Da cosa è causato il mal di schiena?
Il mal di schiena può essere causato da uno sforzo eccessivo o da classici traumi distorsivi, contusivi ma anche da degenerazione disco artrosica. Spesso l'organismo reagisce con una contrattura muscolare lombare ancora più dolorosa del mal di schiena stesso.
Rimedi mal di schiena
Il riposo a letto non guarisce, ma per chi ha dolore intenso rappresenta uno dei pochi metodi per provare sollievo. Anzi, lo stare a letto per tempi prolungati può comportare difficoltà di recupero. per il dolore nel breve termine si consigliano farmaci analgesici come il paracetamolo o i Fans. Molti trovano beneficio anche da massaggi eseguiti da persone esperte come fisioterapisti.