N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Su Nature smentiti tutti i falsi miti della scienza

Quando vengono smentiti i luoghi comuni in ambito scientifico, sono subito polemiche a non finire. Che si tratti di sconfessare omeopatia o convinzioni sui radicali liberi, guai a scardinare le convinzioni comuni. E allora ecco che i nove falsi miti della scienza svelati da Nature stanno facendo molto discutere. La classifica della rivista scientifica sviscera anche il presunto legame tra vaccini e autismo e l'efficacia della diagnosi precoce nei casi di tumore.

Preparatevi a scoprire che molte delle vostre convinzioni più radicate sono in realtà dei falsi miti, la cui falsità è stata dimostrata negli anni da numerosi studi ma che ciò nonostante continuano a godere di credito da parte di addetti ai lavori e non.

Ne sono stati individuati in tutto nove dalla rivista Nature.

Si comincia dalla prevenzione: screening regolari e diagnosi precoci non costituiscono una garanza di salvarsi dal cancro. Purtroppo alcune forme di tumore, come quello alla tiroide, alla prostata e al seno, vanno oltre la prevenzione.

La teoria formulata nel 1945 secondo cui i radicali liberi sono responsabili dell'invecchiamento e che gli antiossidanti li neutralizzano non sarebbe del tutto fondata. Alcuni studi effettuati fin dai primi anni 2000 hanno dimostrato che coloro i quali producono più antiossidanti non vivono necessariamente più a lungo degli altri. Guai a dirlo a chi ci guadagna da questi questi prodotti.

Abbandoniamo lidea di avere un super cervello: l'uomo non ha un encefalo molto più grande rispetto a quello degli altri animali. Resta vero che il nostro cervello è sette volte più grande di quello degli animali della nostra taglia, ma non vantiamocene troppo perchè anche per topi, delfini e alcuni uccelli vale la stessa proporzione. Nature sconfessa anche la convinzione che si impara meglio seguendo la strategia di apprendimento preferita e che la crescita a dismisura della popolazione mondiale porterà carestie e povertà.

Chiudiamo con due grandi classici della medicina, omeopatia e vaccini. L'omeopatia non ha alcuna efficacia come medicina alternativa. Questa è una cattiva notizia. Quella buona è che i vaccini non provocano l'autismo. Da dove nasce allora questa convinzione? Da uno studio contraffatto da un medico inglese poi radiato dall'albo con ignominia. La paura però resta.