Non perdi peso nonostante la dieta? L'Alcat test ti dice perchè

Non sempre dieta è sinonimo di dimagrimento. Molte persone, nonostante gli sforzi, non raggiungono i risultati sperati. Pochi sanno che stanchezza, gonfiore, problemi digestivi, possono dipendere da una intolleranza alimentare.

E questo potrebbe anche essere il motivo degli insuccessi nella dieta. Ecco perchè i migliori nutrizionisti spesso chiedono al paziente se ci sono alimenti che provocano fastidio subito dopo averli mangiati. Si tratta di alimenti che spesso provocano fermentazioni intestinali con conseguente formazione di gas.

Senza considerare che le intolleranze alimentari possono provocare anche altri disturbi ben peggiori della difficoltà nel perdere peso come mal di testa e di pancia, ritenzione di liquidi, stanchezza cronica, diarrea e stipsi.

Possiamo scoprire le nostre intolleranze grazie all'alcat test, metodo per scoprire quali sostanze ci fanno male. Spesso si tratta di sostanze contenute in alimenti insospettabili.

Quali sono queste sostanze? Spesso si tratta di quelle contenute in prodotti confezionati. Ad esempio gli additivi presenti nelle bibite, gli aromi dei gelati, il glutammato moniopodico delle zuppe in busta e del dado. Ma anche il sodio metasolfito della birra e altre presenti nella frutta secca, nelle olive. Le individuate sulle etichette degli alimenti perchè sono precedute dalla lettera E seguita da tre numeri.

Grazie all'alcat test una volta individuati gli alimenti che provocano intolleranza, sarà più semplice eliminarli o quantomeno ridurli nella dieta in modo da rimuovere l'ostacolo che impedisce di perdere peso.

Le diete impostate sulla base dei dati alcat test sono in grado di farci perdere dai due ai quattro chili al mese. Se due chili vi sembrano pochi, dovete pensare che le diete più efficaci sono quelle a lungo termine, in grado di offrire risultati duraturi. Perdendo due chili al mese, in un anno, ne perdereste 25: molte persone hanno bisogno di perderne molto meno.

L'alcat test indica se l'intolleranza è lieve, moderata o grave. I livelli di intensità corrispondono a diversi colori: rosso per gli elementi da eliminare, arancione per quelli da evitare, giallo per quelli al limite del sopportabile e verde per quelli accettabili. Il test si svolge in laboratorio dopodichè con l'aiuto di un software e, tenendo conto delle analisi del sangue, viene realizzata una dieta dettagliata e personalizzata.