Ogni alimento genera reazioni diverse: intervista dott.ssa Corona

La dott.ssa Giovanna Corona, dottore in Scienze Ambientali, Biotecnologie e Scienze e Tecnologie per l'Ambiente e il Territorio, Dottore di ricerca in Patologia Generale e Biologa Nutrizionista, lavora sia a Roma, in zona Cinecittà, Tuscolana e Prati, sia a San Nicola la Strada, in provincia di Caserta. E' fondatrice della SINAS, per lo studio delle interazioni tra ambiente e nutrizione.
Stare a dieta è difficile come sembra?
Come dico spesso ai miei pazienti, molti affrontano l'inizio di una dieta come se dovessero prepararsi ad un periodo di guerra e carestia, credendo che gli si dia da mangiare solo acqua e foglie dì insalata. In realtà la ricerca in ambito nutrizionale è sempre più votata ad un'alimentazione sana basata più sulla tipologia di alimenti che sulla quantità, in quanto si è scoperto che ogni alimento ingerito all'interno dell'organismo genera una serie di reazioni, che possono anche variare molto da individuo a individuo.
Il suo punto di vista sugli integratori alimentari
Lo dice la parola stessa, sono sostanze che servono ad "integrare" ovvero arrivare laddove l'alimentazione non può arrivare. Possono servire, ad esempio, quando, per patologie o altri fattori il paziente sia in carenza di un determinato nutriente e quindi necessita, appunto di "integrarlo" in altro modo. Molti integratori al momento in commercio promettono di bruciare grassi, drenare i liquidi, limitare l'assorbimento dei grassi... chiaramente sono appetibili per il paziente, ma devono sempre essere calati nel singolo caso. Il fatto che derivino da sostanze naturali non li esonera da possibili reazioni avverse o da interferenze con eventuali farmaci. Inoltre non sono pozioni magiche, devono essere sempre e comunque assunti nell'ambito di un regime dietetico controllato. In generale le scorciatoie sono sempre troppo belle per essere vere e la strada migliore è sempre quella di una buona educazione alimentare ed un corretto stile di vita.
Tre alimenti che non devono mai mancare nel suo frigorifero o nella dispensa e perchè
Sicuramente prodotti vegetali: frutta e verdura, colonne portanti della nostra dieta mediterranea; olio extravergine di oliva, da consumare preferibilmente a crudo, per mantenere intatte tutte le sue ottime proprietà; spezie, per poter esplorare nuovi sapori e nuove ricette.
Come ci si dovrebbe regolare quando si va a mangiare fuori?
Non è l'abbondanza di ingredienti che fa di un piatto "un piatto buono". Una pietanza può essere ottima anche con pochi ingredienti, semplici e freschi. E' preferibile, quindi, scegliere piatti non troppo elaborati, per poter apprezzare il sapore del cibo per quello che è e non per quello che tanti ingredienti vogliono farci credere che sia. Se è possibile scegliamo biologico, o presidi slowfood, in modo da avere maggiori garanzie di freschezza del prodotto.
Un consiglio sull'alimentazione che sorprenda i nostri lettori
Impariamo a leggere la lista ingredienti sulle etichette. Più è lunga meno è buona da mangiare. Cerchiamo di non andare oltre le due righe.
Mangiare bene vuol dire...
Imparare a conoscere ed apprezzare i sapori naturali e non quelli falsificati dall'industria alimentare.