Paralisi nel sonno: cause, cosa fare

Sono pochi coloro i quali possono dire di godere di un sonno tranquillo, regolare e ristoratore. Insonnia, ansia, impegni di lavoro, problemi digestivi, sono tutte cause di nottate poco riposanti. Ma alcune persone vivono esperienze ancora peggiori di un semplice sonno disturbato: ad alcuni capita di svegliarsi nel cuore della notte terrorizzati e incapaci di muoversi.

Si tratta di un fenomeno meno raro di quanto si possa credere, che prende il nome di "pandafeche". E' quella situazione in cui ci si sveglia nel cuore della notte incapaci di muoversi, parlare, fare qualunque cosa. Ci si sente come paralizzati. Il tutto è unito solitamente a una difficoltà nella respirazione. Chi l’ha provato lo descrive come una esperienza terribile.

Ma come si spiega scientificamente? Lo stato di paralisi si manifesta come una risposta del cervello all'idea di essere in pericolo e si entra in una modalità denominata “volo”.

Ecco perchè capita talvolta che la paralisi sia associata ad allucinazioni o alla netta impressione che accanto al nostro corpo ci sia una presenza. Ed è per questo che, al di là delle spiegazioni scientifiche, sono nate leggende e credenze popolari che ipotizzano la presenza di entità demoniache che si posizionano sul nostro petto.

E' un fenomeno conosciuto a tutte le latitudini, e ad esempio i cinesi chiamano questo fenomeno “Gui Ya” cioè pressione fantasma. Al di là delle credenze popolari, gli scienziati ritengono che si tratti di una paralisi che avviene nella fase REM del sonno. In questa fase è impossibile compiere gesti o pronunciare parole.

Come rimediare? Il consiglio è non spaventarsi, nei limiti, e non cercare di reagire ma rilassarsi e aspettare che passi. Certo l'ansia aumenta se il fenomeno si associa al sentire parole pronunciate proprio dentro il nostro orecchio.

Cosa può causare un'esperienza simile? Certo influisce la stanchezza, lo stress, l’uso eccessivo di stimolanti. Ma a volte anche le troppe ore di sonno possono innescare il meccanismo.

Per evitare il rischio, non scegliete di dormire in posizione supina, perchè così sarà molto più probabile che il palato molle collassi ostacolando la respirazione, cosa che fa risvegliare improvvisamente dal sonno REM. Un fenomeno da evitare perchè quando questo accade una parte di noi si sveglia, mentre l’altra rimane nella fase rem e il risultato e che non controlliamo la nostra volontà. Così siamo in un limbo.