Autunno 2014 e la perdita dei capelli

L'autunno ormai è alle porte, e come ogni anno la fine della bella stagione segna l'inizio della cosiddetta perdita dei capelli. Fin dall'antichità, infatti, il “periodo della castagne” è sinonimo di capelli che cadono e lunghe file dai parrucchieri. Qualunque sia la causa della perdita autunnale dei capelli, tuttavia, esistono rimedi meno drastici e assai più efficaci di un taglio al nostro look.

Con l'arrivo dell'autunno è normale aspettarsi un aumento della perdita dei capelli, associato al cambio di stagione e variabile a seconda di ciascun individuo e del danneggiamento estivo.

Le teorie degli esperti sulle cause di quest'evento naturale, identificato scientificamente come “caduta fisiologica”, sono diverse e probabilmente concatenate fra loro. Secondo alcuni, l'improvvisa riduzione delle ore di luce potrebbe causare un drastico cambiamento dell'equilibrio ormonale, che sarebbe il principale responsabile della perdita dei capelli. Altri studiosi, invece, credono che quest'evento sia un'eredità della specie animale a cui l'uomo appartiene: i mammiferi, che nel mese di ottobre vivono abitualmente il processo di muta del pelo. Altri ancora ritengono semplicemente che la caduta sia il sintomo dell'eccessivo stress che i capelli subiscono durante i mesi estivi: il sole, il mare, l'acqua clorata delle piscine, lavaggi ed acconciature eccessive e troppo frequenti, danneggiano il cuoio capelluto con effetti a lungo termine che si manifestano solo a distanza di alcuni mesi.

I fattori che causano la perdita autunnale dei capelli, insomma, sono diversi ed è inutile allarmarsi o pretendere di evitare un evento di per sé naturale. Se la caduta dei capelli è contenuta entro 30-100 capelli al giorno e non si protrae oltre 2-3 settimane, infatti, non c'è motivo di preoccuparsi.

Si può tuttavia intervenire per limitarne gli effetti e per facilitare la ricrescita, attraverso alcuni semplici accorgimenti:

Innanzitutto una corretta alimentazione, ricca di vitamina B, biotina e acido folico, ma anche ferro e zinco, che rappresentano i nutrienti fondamentali per la salute dei capelli. In alcuni casi, è consigliabile anche l'uso di integratori alimentari specifici, che garantiscono il giusto apporto di queste ed altre sostanze utili per l'intero organismo.

In secondo luogo, occorre evitare di danneggiare ulteriormente i capelli, limitando l'uso di piastre, phon e prodotti troppo aggressivi durante il lavaggio e l'asciugatura dei capelli. Cercate di fare a meno, insomma, di lacca, gel e spuma, e sostituiteli invece con creme e maschere rinforzanti per capelli.

Un buon massaggio con i polpastrelli durante lo shampoo, infine, può risultare particolarmente utile in questo periodo dell'anno, per riattivare la circolazione del cuoio capelluto, limitare la caduta dei capelli e stimolare la ricrescita. Dedicatevi qualche minuto di relax sotto la doccia, dunque, associando al massaggio una lozione anticaduta o un balsamo protettivo per capelli.

Diffidate, invece, da chi vi consiglia un taglio drastico dopo l'estate: il problema della caduta dei capelli, non si risolve accorciando la lunghezza, ma prendendosi cura della loro salute dei capelli alla radice.