Pompelmo, proprietà dimagranti

Il pompelmo, oltre ad essere un gustoso agrume, è un talismano per le diete alimentari capace di sortire un gran numero di effetti benefici. I motivi non mancano. Dispone, tra le altre sostanze nutritive, di una quantità elevata di vitamina C, acido folico, sali minerali e fibre. A questo dobbiamo aggiungere una dose minima di grasso innocuo e sole 35 kcal per 100 g.

Tuttavia, la sua composizione non è fondamentalmente diversa da altri agrumi. In effetti, tra un pompelmo e un arancio non ci sono molte differenze, ma il primo è sempre stato considerato molto più dimagrante. È diventato molto più popolare in questo campo e si ritiene possa avere la capacità di bruciare i grassi. Un aspetto molto sconosciuto è che l'ingestione di succo di pompelmo può variare gli effetti di alcuni farmaci; anche se il farmaco viene assunto a distanza di tempo con questo frutto.

La causa è che il pompelmo inibisce il citocromo 450 della parete intestinale che è coinvolto nel metabolismo di alcuni farmaci, in modo che i loro livelli possano aumentare. Le famose statine dell'ipercolesterolemia comune, sono un esempio. Ma l'elenco è molto più lungo. Insomma anche un pompelmo innocente può riservare sorprese. Tornando alle sue presunte capacità dimagrati, una recente ricerca dell’Università della California ha dimostrato con una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica “Plos One” che topi di laboratorio nutriti con una dieta ricca di grassi hanno comunque perso il 18% del loro peso corporeo grazie all'assunzione di succo di pompelmo.

Inoltre le cavie hanno visto migliorare il livello di glucosio e di trigliceridi nel sangue con risultati simili a quelli che si ottengono con farmaci per la cura del diabete. In particolare pare che la naringina sia efficace nel processo di dimagrimento. Insomma prendere l'abitudine di consumare succo di pompelmo potrebbe davvero contribuire, insieme ad attività fisica e dieta equilibrata a mantenere una forma fisica invidiabile.