Seleziona una pagina

Le News Salustore

Prendere il sole fa bene, una ricarica di vitamina D

da | Ago 7, 2020 | Benessere | 0 commenti

753af540d51bd893a378e8b0c3ae103c

– 

8ebe780c28a757b6cd7da08190ee845a

Prendere il sole per molti è una piacevole abitudine, per altri un’ossessione, per tutti dovrebbe essere una necessità perché la vitamina D, strettamente legata all’esposizione ai raggi solari è un’alleata preziosa per tanti benefici.

Prima di esporci al sole però, è buona norma preparare la pelle soprattutto se chiara è delicata con qualche aiuto naturale per evitare le scottature.

La Vitamina D è un elemento essenziale per la nostra salute: serve ad arginare l’osteoporosi e riduce anche il rischio di tumori. I livelli normali di questa preziosa vitamina variano da 30 a 100 nanogrammi per millilitro, sotto i 20 la carenza è moderata, sotto i 10 è grave. Quando non ne assumiamo a sufficienza attraverso il cibo o i raggi solari, lo possiamo fare comunque in maniera naturale con degli integratori vitaminici, spesso associati a sali minerali specifici per agire positivamente contro i processi di ossidazione responsabili degli inestetismi legati all’invecchiamento.

I dati confortanti sulla sua importanza riguardano la riduzione del rischio di tumori al seno e dei tumori del colon retto. Uno studio recente ha addirittura misurato l’entità della protezione: per ogni aumento di 10 ng/ml di vitamina D nel sangue, il rischio di tumori al seno si riduce del 3,2 %.

Un dato fa riflettere: i tumori maligni e le loro recidive vengono diagnosticati massimamente di inverno, quando la vitamina D è minima e molto meno d’estate, quando la naturale esposizione al sole la porta a livelli ottimali. Tra gli altri benefici della vitamina D, c’è la riduzione del rischio di perdita di muscolo e un rinforzo delle difese immunitarie.

La vitamina D si trova in due forme: il colecalciferolo e l’ergocalciferolo. Il primo viene rielaborato in corrispondenza della pelle, per l’azione dei raggi solari, ma si può anche ricavare dai grassi animali come fegato di pesce, latte e carni.

L’ergocalciferolo invece deriva per effetto dei raggi violetti, dall’ergosterolo assunto con la dieta, ad esempio con il lievito.

Ferma restando dunque l’importanza dell’esposizione al sole per massimizzare i livelli di vitamina D, non dimenticate mai di prendere la tintarella utilizzando le migliori creme solari in commercio, a seconda del vostro fototipo, scegliendo il livello di protezione adatto alla vostra pelle. Qui trovate una gamma completa di solari naturali, scoprite il prodotto più adatto a voi.