N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Quale sport scegliere per stare bene e preservare le articolazioni

Fare sport fa bene, su questo non ci sono dubbi, ma è bene anche conoscere la linea di confine che delimita una attività benefica da una che può comportare danni ad articolazioni e giunture. Praticare un'eccessiva attività fisica per molto tempo può aumentare il rischio di usura della cartilagine.

Cos'è la cartilagine?
La cartilagine è la membrana elastica e resistente che favorisce i movimenti articolari, e che una intensa attività fisica può portare a degenerazione. La conseguenza è sfregamento delle ossa innaturale e dolori.

Questo però non vuol dire che bisogna ricorrere alla sedentarietà e all'assenza totale di attività fisica pensando in questo modo di preservare le articolazioni. Gli essere viventi, l'uomo in particolare, non sono fatti per stare sempre fermi. Lavorare al pc, guardare la tv e spostarsi in auto invece ci portano a un immobilismo ormai consueto ma innaturale. E niente affatto benefico per l'organismo.

Immaginate una vettura chiusa in garage per anni: di certo quando poi viene rimessa in moto, non sarà in grado di fornire grandi prestazioni. Un'auto invece costantemente utilizzata, con moderazione e non spinta a grandi velocità, curata con tagliando, cambio d'olio e controllo dal meccanico periodico, svolgerà al meglio il suo compito.

Come capire allora qual è il giusto modo di allenarsi? Dopo i 40 sport come calcio, calcetto, rugby, corsa e sci, ma anche jogging e tennis praticati con frequenza sono gli sport che più di altri portano a lesione delle articolazioni. Molti di noi hanno anche piccole alterazioni strutturali nella costruzione dell'articolazione. Bene invece sport come nuoto, bicicletta, golf e camminate in montagna, così come pilates e yoga, tutte attività in grado di conservare la loro salute naturale. In inverno, in palestra o a casa, sono indicati anche cyclette e tapis.

Come detto l'importante è non abbandonarsi alla sedentarietà, che irrigidisce le articolazioni, messe a dura prova anche dal sovrappeso. La dieta deve essere ricca di vitamina A, C, K, B12 e Omega 3. Limitate invece sale, alcol e caffè, tutti alimenti che contrastano l'assorbimento del calcio aumentando il rischio di osteoporosi, artrosi e nei casi più estremi fratture.