Reflusso gastrico cibi da evitare e rimedi

Ci sono molti rimedi per il reflusso gastroesofageo, o reflusso gastrico. Chi ne soffre sa bene che si tratta di una patologia particolarmente fastidiosa, che rende la digestione una sofferenza e che spesso impedisce di riposare bene la notte. La pirosi, o bruciore retrosternale si manifesta con una sensazione di bruciore e acidità causata appunto dal reflusso nell'esofago di acido e altro contenuto gastrico durante la digestione. La conseguenza a livello dell'esofago è irritazione, che alla lunga può portare a danni maggiori e a dolore.
Reflusso gastrico cibi da evitare
Oltre ai farmaci, ci sono alcuni accorgimenti che possono alleviare la sintomatologia, nello specifico con l'astensione dall'assunzione di alcuni cibi. In particolare, può essere utile attenersi a piccole regole alimentari come l'evitare cibi ricchi di grassi, caffè, cioccolato. In generale, meglio comunque evitare pasti abbondanti soprattutto la sera, considerato che nella maggior parte dei casi il reflusso si manifesta di notte.
Rimedi reflusso gastroesofageo
Buona norma anche evitare di fumare ed evitare di bere molti liquidi durante i pasti, acqua compresa. A livello di postura, i medici consigliano di non coricarsi a gomitolo sulla poltrona subito dopo i pasti. Se questi accorgimenti non dovessero essere sufficienti ad alleviare o quantomeno ridurre la sintomatologia, può essere utile rivolgersi al proprio medico in modo da definite una terapia indicata per la patologia specifica di cui si soffre.
Mal di pancia cause
Se invece soffrite di mal di pancia generico, sofferenza molto comune, può essere utile capirne la natura analizzandone alcune caratteristiche come intensità, localizzazione, tipo di dolore (fitta, morsa o peso) e frequenza con cui si verificano gli attacchi. Molto utile anche cerare di stabilire una correlazione con fattori che lo attenuano o lo aggravano, soprattutto a livello di abitudini alimentari. Il mal di pancia è frequentemente causato da infezioni microbiche, dall'ingestione eccessiva di alcuni cibi e bevande o da un effetto tossico causato da un farmaco.