N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Sette regole per stare bene e restare in salute

Restare in salute è un'arte le cui regola vanno apprese poco per volta, e soprattutto è importante capire che stare bene è il risultato di un corretto modo di vivere fatto di scelte giuste. Quali? Ve ne proponiamo sette che potrebbero fare già parte della vostra mentalità, altre da cominciare a prendere in considerazione:
Restate magri
Non ci sono più dubbi che il legame tra obesità e malattie croniche sia stretto. Mantenersi nel giusto peso è fondamentale, ed è uno dei comportamenti da adottare prima possibile per prevenire un tumore.
Fate sempre attività fisica
L'esercizio fa sempre bene, soprattutto se moderato e adeguato al proprio fisico. Insomma ogni tipo di esercizio che ci fa usare i nostri muscoli e non le macchine contribuisce al dispendio energetico e previene l'aumento di peso.
Pochi alimenti calorici e bevande zuccherate
Non esagerate con diete caratterizzate da alimenti industriali in quantità... industriale. Questo tipo di alimentazione è correlata strettamente al rischio di sovrappeso e obesità.
Esagerate con i vegetali
Frutta e verdura, ricche di acqua e fibre, hanno un apporto calorico basso ma allo stesso tempo garantiscono una fonte costante di vitamine, sali minerali e molecole che fanno bene al nostro organismo.
Non esagerate con la carne rossa...
Un consumo sotto i 500 grammi la settimana di carne rossa non costituisce un rischio per la salute. Ecco perchè potete inserirla nella vostra dieta, ma insaccati e carni lavorate dovrebbero avere un ruolo limitato nella vostra lista della spesa.
...e ancor meno con l'acol
Abusare di alcol fa aumentare il rischio di ammalarsi di cancro. Al contrario un consumo saggio e moderato aiuta a prevenire patologie cardiovascolari.
Rinunciate al sale
Arricchisce il sapore dei cibi e nelle giuste quantità è anche importante, ma i livelli di cui abbiamo bisogno quotidianamente sono molto inferiori a quelli che siamo abituati a consumare. Ricordatelo quando lo aggiungete alle vostre pietanze: metà del nostro consumo giornaliero di sale viene dai prodotti industriali che per migliorare il sapore e facilitare la conservazione ne fanno largo uso.