N.Verde Ordini 800 770 236 (09:00-17:00)

Sindrome del cuore spezzato: è una vera malattia cardiaca

Mi hai spezzato il cuore. Un modo di dire che esprime in maniera forte e chiara uno stato d'animo. Non capita solo a chi ha avuto una delusione d'amore: può spezzarci il cuore un amico che ci tradisce, un familiare che ci delude, un capoufficio che non riconosce i nostri meriti.

Il sentimento coincide in questi casi a una vera e propria sofferenza fisica. Il cuore non si spezza davvero, come dice il luogo comune, ma soffre tanto. Sono altrettanti i modi di dire che provano a ridimensionare la gravità di episodi simili, che a tutti prima o poi capitano: d'amore non si muore, il tempo è galantuomo, ciò che non uccide fortifica e via dicendo. E' certamente tutto vero, ma è altrettanto vero, secondo recenti ricerche di alcuni scienziati, che la sofferenza d’amore può avere delle conseguenze anche fisiche.

Lo sostiene uno studio recentemente pubblicato sul New England Journal of Medicine secondo cui la sofferenza d’amore, che si traduce in sofferenza del cuore, ha un vero e proprio nome ed è una condizione per la quale si può anche morire. Gli studiosi l'hanno definita cardiomiopatia da stress, ovvero sindrome del cuore spezzato. Come sono arrivati a queste conclusioni gli studiosi? Hanno fatto un esperimento esaminando 1.750 soggetti che avevano subito uno stress emotivo. Ebbene il 36% di loro ha poi sviluppato questa condizione medica.

L’autrice dello studio la Dott.ssa Jelena Ghadri dell’University Hospital of Zurigo in Svizzera spiega che “questa condizione è stata pensata a lungo come una malattia benigna, ma è in realtà una malattia pericolosa. Si tratta di una sindrome di insufficienza cardiaca acuta associata a morbilità e mortalità”.

Pare che ne siano colpite maggiormente sono state le donne. In generale però, tutti coloro che avevano sofferto di cardiomiopatia da stress, presentavano maggiori possibilità di soffrire in seguito di problemi neurologici, psicologici. Addirittura aumentava il rischio da parte loro di sviluppare irregolarità cardiache.